"Il Governo ci aiuti a passa' 'a nuttata"

È il direttore di Confcommercio Toscana Franco Marinoni a fare questo appello dalle colonne della Nazione di Firenze, che martedì 21 luglio ha pubblicato una sua riflessione in merito al mancato posticipo delle scadenze fiscali, chiesto dall'intero sistema economico ma rifiutato categoricamente dallo Stato. “Le imprese sono al collasso e non hanno soldi per pagare le tasse. Più volte abbiamo reclamato la necessità di liquidità. Rifiutare la sospensione dei tributi è un atto di miopia politica con cui la nostra classe dirigente dimostra ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, la sua assoluta inadeguatezza. Di più: è un atto di sciacallaggio di cui dovrà rispondere ai lavoratori e a tutte le famiglie italiane"

“Sono imprese al collasso quelle che stanno chiedendo allo Stato non un annullamento, si badi bene, ma un posticipo delle scadenze fiscali, in un anno che sarà ricordato a lungo come uno dei più terribili per l’economia mondiale. Lascia quindi senza parole l’atteggiamento del Governo, che si rifiuta di ascoltare la richiesta legittima e ben motivata che si sta levando dall’intero sistema economico". Lo scrive martedì 21 luglio 2020 il direttore di Confcommercio Toscana Franco Marinoni sulle colonne della Nazione di Firenze, ribadendo lo stato di assoluta necessità in cui versano ora le imprese italiane.

 

"Le aziende non hanno soldi per pagare le tasse - prosegue il fondo di Marinoni - Dopo quasi tre mesi di chiusura senza fatturare un euro, una ripartenza ancora più drammatica con più spese che guadagni, i consumi in calo e ipoteche pesanti sul futuro, la maggior parte di loro non ha soldi neppure per pagare l’affitto, i fornitori, i dipendenti (che, almeno per ora, hanno la cassa integrazione), né per stare in piedi. Più volte abbiamo reclamato la necessità di liquidità a fondo perduto, e non di ulteriore indebitamento, per far fronte alla situazione di emergenza. E ora si pretende l’impossibile".

 

Il testo prosegue con toni molto duri: "rifiutare la sospensione dei tributi è un atto di miopia politica con cui la nostra classe dirigente dimostra ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, la sua assoluta inadeguatezza. Di più: è un atto di sciacallaggio di cui dovrà rispondere ai lavoratori e a tutte le famiglie italiane. E, come se non bastasse, ci troviamo ad ascoltare le prediche di una viceministra che invita gli operatori di un intero comparto, quello della ristorazione, ad evolversi ed innovare, se non addirittura a cambiare mestiere. Gli imprenditori non accettano lezioni da chi non ha titoli per darne, né accettano che qualcuno li dia per morti. Sono consapevoli del proprio valore, chiedono solo di essere aiutati a passare «’a nuttata». Poi continueranno a rimboccarsi le maniche come stanno già facendo, sopportando ogni sacrificio per tornare a livelli di eccellenza. Perché per loro le imprese sono prima di tutto un progetto di vita e un atto d’amore per il territorio. Se l’Italia perde queste imprese, perde se stessa. E se chi ci governa non lo ha ancora capito, vuole dire che siamo di fronte ad una crisi sociale ben più grave di quanto pensassimo”.